Tecnologie

Tutte gli articoli di Java

domenica 08 novembre 2009

GPS e Mappe di Google in Android

Per mezzo dell'Android sdk è possibile costriure una applicazione per dispositivi cellulari che utilizzi GPS e Mappe di Google. In questo modo un utente sarà in grado di visualizzare in modo continuo la propria posizione geografica sul celluare.

>>leggi la scheda completa

martedì 20 ottobre 2009

android sdk

Android è uno stack software per dispositivi mobili, che include un sistema operativo, un middleware e un insieme di applicazioni chiave. L'Android SDK fornisce gli strumenti e le API necessarie per iniziare a sviluppare applicazioni per la piattaforma Android utilizzando il linguaggio di programmazione Java.

>>leggi la scheda completa

mercoledì 25 luglio 2007

Sqlite e Java

Se si desidera utilizzare sqlite all'interno di un programma Java, la soluzione c'è. Esiste un wrapper java open souce che consente di comunicare con la base dati Sqlite. Il link al progetto è questo.

>>leggi la scheda completa

martedì 10 aprile 2007

grafica, java e linux

Spesso capita di imbattersi in errori strani, quando si vuole erogare contenuti grafici lato server per mezzo di tomcat e di un sistema Linux.
Tali errori suggeriscono che le primitive grafiche di java non riescono a connettersi al server X.


>>leggi la scheda completa

domenica 18 febbraio 2007

Cache e Hibernate


Una applicazione dovrebbe essere in grado di mantenere una cache contenente i dati già caricati dal database, e consultare il database solo quando i dati sono stati modificati.
In questo caso, le modifiche devono invalidare la cache.

Hibernate implementa due livelli di cache:

  1. Cache di primo livello: si tratta di una cache a livello di sessione. Questa cache è usata in primo luogo per ottimizzare le query SQL generate da Hibernate. Non è necessario configurare questo tipo di cache, visto che è gestita direttamente dalle librerie di Hibernate.
  2. Cache di secondo livello: si tratta del tipo di cache discusso in questo articolo, che verrà di seguito semplicemente denominata "cache".

>>leggi la scheda completa

mercoledì 07 febbraio 2007

Dispositivi random e Java

Supponiamo di dover realizzare in ambiente Linux un programma in Java che utilizza funzioni di crittografia. Ad esempio un sistema per la firma digitale oppure un programma di trasferimento di dati sensibili che utilizzi connessioni sicure https.

La generazioni delle chiavi casuali viene effettuato dalla jvm utilizzando il contenuto generato dai dispositivi /dev/random. Tali dispositivi utilizzano segnali associati ai dispositivi hardware (tastiere, mouse etc) per generare i propri dati casuali.

>>leggi la scheda completa

sabato 27 gennaio 2007

Firma digitale in java

Javasign e' un programma open source in java che puo' essere utilizzato per produrre la firme digitale e la marca temporale di documento utilizzando una smart card. Javasign e' stato testato sia con le carte sanitarie CRS SISS che con le carte Infocamere. E' compatibile con la specifica CNS (Carta Nazionale dei Servizi)

Javasign effettua le operazioni di firma diglitale/verifica della firma utilizzando le funzioni sulla carta.
Puo' essere configurato per usare la libreria cryptoki fornita dal venditore della carta, o il driver java interno che implementa comandi di basso livello di tipo apdu ISO 7816-4. Le funzioni di encryption e decryption sono basate sulla specifica PKCS #15.
Javasign e' stato realizzato utilizzando i progetti open source Jaccal, Iaik, e naturalmente BouncyCastle

collegati a javasign

>>leggi la scheda completa

<< Vecchi Articoli
Archivio